Pagine

mercoledì 9 luglio 2008

Il masochismo del centro sinistra

Due giorni fa Beppe Grillo, in collegamento telefonico con la manifestazione di piazza Navona a Roma organizzata dall'Italia dei Valori, ha ancora una volta esternato le sue preoccupazioni per lo stato dell'informazione in Italia ed il degrado della classe politica, poco reattiva, a suo dire, ai ricatti politici di Silvio Berlusconi, prova di ciò l'assoluto silenzio del presidente della repubblica Napolitano di fronte alle scandalose proposte di legge "ad personam" oggetto della manifestazione romana.

Marco Travaglio, aveva parlato prima, della capacità straordinaria della sinistra nel farsi male da sola. Capacità che ha contribuito a consegnare ancora una volta il paese nelle mani del leader del centro destra.

Sabina Guzzanti subito dopo, ha organizzato una dimostrazione concreta dell'assunto di cui sopra, inveendo contro tutto e tutti ed accanendosi con violenza contro il Santo Padre, reo, a suo parere, di voler influenzare la vita politica del nostro paese. Certo non si capisce perché il Papa dovrebbe compiacersi o sostenere leggi legittime in uno stato laico, se esse sono contro la sua fede.

La guzzanti non ha davvero fatto mancare nulla al pontefice, neanche una condanna all'inferno - in cui ovviamente lei non crede - condanna avvalorata dalla sua presunta omofobia (non ricordo alcuna dichiarazione in merito) o perché no dalla sua prevista partecipazione (perché invitato) all'inaugurazione dell'anno accademico alla Sapienza.

Io non voglio entrare nel merito delle due questioni, a mio modesto parere Papa Benedetto XVI ha cose ben più serie a cui pensare che il patetico teatrino della politica italiana o i deliranti insulti della Guzzanti.
Certo oggi parlare male della chiesa e dei credenti va di moda e quindi non mi aspetto alcuna benevolenza da parte dei lettori.

Comunque libertà e rispetto vanno applicati a 360 gradi, considerando che le persone di fede, hanno diverse sensibilità sull'argomento. Ridicolizzare ad ogni occasione i cattolici italiani, non mi pare né illuminante né saggio ed io come credente faccio fatica a trovare dei riferimenti, nel mondo politico, in linea con gli insegnamenti di Cristo. Riferimenti che non trovo certo nei partiti di vocazione cristiana che oltre ad aver nelle proprie file esponenti di discutibile valore etico, come l'ex presidente della regione siciliana Totò Cuffaro, hanno leader che di quei valori cristiani, hanno fatto scempio nella loro vita personale (Berlusconi e Casini su tutti).

Nel calcio il discorso della Guzzanti potrebbe essere definito un assist perfetto a Berlusconi. Assist paragonabile a quello fatto da Bruno Conti a Paolo Rossi nella semifinale del mondiale di Spagna. Non mi stupisce quindi che da ieri la stampa ed i media abbiano già iniziato la loro attività di "disinformazione" evidenziando ovviamente, il peggio visto in piazza Navona, trascurando così il cuore del messaggio (le leggi scandalose ad personam proposte da Berlusconi sulla giustizia) e la deriva anti democratica che sta investendo in maniera irreversibilie il nostro paese.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Tutti a stracciarsi le vesti per l'intervento della Guzzanti; "uhhhhh, il Papa, no, quello è intoccabile..."; "noooooo, non si dice ad una piazza che la Carfagna ha fatto favori di quel genere al dittatorucolo di Arcore"; e via così. Tutti quindi allineati sulla linea censoria molto di moda in questo frangente di secolo, da destra a sinistra; diciamo che ritengo superfluo parlare del "da destra a sinistra" in quanto non vedo grandi differenze di contenuti, e anzi, ravvedo un gioco di squadra, gli uni che offrono assist agli altri. E' con grande rispetto per tutti i credenti che mi sento di dire che il Santo Padre HA posizioni omofobe, che la sua storia è segnata da un conservatorismo atavico; che lui sta fininedo in bellezza il lavoro sporco cominciato da Wojtila, per soffocare quella chiesa un po' illuminata e irriverente che per esempio nel LatinoAmerica aveva portato alla cosiddetta Teologia della Liberazione; personalmente non vedo nulla di amorale ed estremo in quanto detto dalla Guzzanti che è, ricordiamolo, UNA DONNA DI SPETTACOLO; lo ribadisco per vari motivi, primi fra tutti la simpatica distorsione che fa sì che le uniche idee interessanti, le uniche posizioni condivisibili, in un allineamento militaresco di idee e posizioni, arrivino proprio da due comici, lei e Grillo ! E che ci si può aspettare da due comici ? Che si presentino con una livrea da rispettabili politici romani ?
Ritengo invece molto, ma di gran lunga, più pornografico, più estremo, più eversivo e irrispettoso, quanto questo governo ha messo in atto dal primo giorno dal suo insediamento; cosa c'è di più eversivo che creare un conflitto istituzionale fra il CSM e il parlamento, il rischio di bloccare integralmente i processi di questo paese, per bloccare un processo che vede il dittatorucolo di Arcore imputato ? Cosa c'è di più immorale del ritorno alla retorica nazional-militaresca di uno come La Russa che pare stia giocando coi soldatini ? Vogliamo parlare di quanto si sta facendo con Alitalia ? O della paventata reintroduzione del nucleare come unica direzione su cui investire per garantire energia a questo pianeta che di energia è sempre più "assetato" ? Che c'è di peggio di una velina nominata a ministro della repubblica solo perchè è una bella figliola (e chissà che poi che sia vero dei "favori" da lei a lui regalati) ? Che cosa può esserci di peggio di un Presidente del Consiglio che definisce Mangano, condannato per mafia, lo "stalliere" di Arcore, un "eroe" ? Cosa può esistere di peggio di Totò-Vasa-Vasa che brinda di fronte alle telecamere per avere subito una condanna a 5 anni per favoreggiamento della mafia ? Che c'è di più immorale delle immagini della terza città più grande d'Italia sommersa dai rifiuti ?
Suvvia smettiamola con questo perbenismo peloso, con tutti questi tabù e riguardi da operetta, questa è la storia della volpe e dell'uva, del dito che tutti vediamo a dispetto del fatto che dietro ci si nasconde il padrone...
E adesso parliamo del masochismo: partiamo dall'assunto che a 43 anni, dopo averci creduto e anche militato, io non riconosco nessuna sinistra; non c'è nulla da farsi male quindi; semplicemente bisogna dare a Cesare quelk che è di Cesare; questo PD è COLLUSO, COMPLICE di questo Governo, nei fatti, al di là del buonismo procacciato da Veltroni; la cosiddetta sinistra antagonista non dice nulla, e quando dice io proprio non mi riconosco in quelli che sono solo slogan per garantirsi l'ossigeno elettorale minimo per evitare di sparire dalla storia.
Ben vengano i Guzzanti e i Grillo ! Ben vengano uomini liberi che non hanno paura di dire quel che pensano, EVVIVA la dissacrazione anche volgare, perchè essa è sempre meno volgare di questa banda di parassiti che ci governano.
E per concludere, e non allontanarmi molto dalla amata Trinacria, rileggetevi il testo di "Povera Patria" di Franco Battiato, il grandissimo, che mette bene al loro posto tutte le cose che vediamo e sentiamo.
Un saluto a tutti.

Filippo MI ha detto...

Fabio ... riconosco lo stile :)

Per me cattolico il Papa è un intoccabile :) per altri è oggetto di critica come qualsiasi altro uomo sulla terra, comunque con gli insulti gratuiti non si va da nessuna parte, ed il pontefice, in merito alle leggi ad personam, non c'entrava davvero nulla.

A me piace Grillo ed infatti ho deciso di indicare il suo blog nella lista dei miei preferiti, però a Roma si è organizzata una manifestazione politica e non uno spettacolo ricreativo. Non adattare i toni al contesto, rischia di aiutare esattamente le persone che vogliamo democraticamente combattere ...