Pagine

lunedì 21 luglio 2008

Consigli per le vacanze ...



Queste tre settimane sembrano non passare più ... facciamoci allora del male ascoltando questa bella dichiarazione d'amore di Giuseppe Castiglia.

Catania figghiozza do Patri Eternu


Che bedda Catania, Catania di notti
iu sentu ca u cori m'abbatti chiù forti
ndè strati, ndè chiazzi e intra i cuttigghi
Catania fà a matri e annaca i so figghi
poi l'alba d'argentu s'ammisca cò mari
Catania è a genti ca si usca u pani
ma quannu s'arrobba e si isunu i manu
Catania s'incazza e diventa vulcanu.

Catania è 'na pupa, capiddi castani,
labbra carnusi e l'occhi ruffiani
e quannu mi sapi luntanu du iorna
ca so vuci d'angilu mi rici torna
Catania umiliata, trattata cche peri
s'attrucca e si pettina pe' furasteri
e quannu c'ancontra du ziti filici
Catania romantica li binidici

Musica, c'è musica Catania abballa
restu ca vucca apetta a taliarla
chi bellu pettu chi formi, Catania ca non dormi
Musica, chi musica Catania sona
e si ndò menzu qualchedunu stona
fa 'na battuta schirzusa, Catania è spiritusa.

Che bedda Catania, Catania di notti
cu attracca, cu vivi e cu fa cosi storti
Catania è pueti, finomeni e geni
gilusa picchì pi nuautri ci teni
Catania cò Suli macari ndo nvernu
Catania figghiozza do Patri Eternu
si porta a braccettu l'amicu liotru
fra uduri di chiummu, di zagari e citru

Musica, c'è musica Catania canta
tutti cò saccu sta passannu a Santa
varda Catania che lesta, cu l'abitu da festa.
Musica, chi musica Catania ardita
o stadiu soffri e vinci a so partita
stanca ci abbruciunu l'occhi, s'appinnica nde scogghi.

Catania da guerra, Catania urricata,
distrutta e pì setti voti rinata
non c'entrunu i sordi, non c'entra a furtuna
Catania ndo Munnu ci nnè sulu una

5 commenti:

Filippo MI ha detto...

Traduzione per gli amici padani ;)

Catania figlioccia del Padre Eterno.

Che bella Catania, Catania di notte
io sento che il cuore mi batte più forte
per le strade e le piazze e dentro i cortili
Catania fa da madre e culla i suoi figli,
poi l'alba d'argento si mischia col mare
Catania e la gente che si guadagna il pane,
ma quando si ruba e si alzano le mani
Catania s'incazza e diventa vulcano.

Catania è una bambola, capelli castani
labbra carnose ed occhi ruffiani
e quando mi sa, lontano due giorni
con la sua voce mi dice "torna"
Catania umiliata trattata con i piedi
si trucca e si pettina per i forestieri
e quando incontra due fidanzati felici
Catania romantica li benedice.

Musica c'è musica, Catania balla
resto con la bocca aperta a guardarla
che bel petto , che forme
Catania che dorme.
Musica che musica Catania suona
e se in mezzo qualcuno stona
fa una battuta scherzosa, Catania spiritosa...

Che bella Catania, Catania di notte
chi attracca chi vive e chi fa cose storte
Catania poeti, fenomeni e geni
gelosa perchè per noi ci tiene.
Catania col sole anche in inverno
Catania figlioccia del Padre Eterno
si porta a braccetto l'amico "liotru" (elefante)
fra odori di piombo, di zagare e cedri...

Musica c'é musica, Catania canta
tutti col saio sta passando la Santa (Sant'Agata)
quarda Catania che bella con l'abito da festa!
Musica che musica, Catania ardita
lo stadio soffre e vince la sua partita
stanca le bruciano gli occhi
... si addormenta sugli scogli...

Catania della guerra, Catania coperta
distrutta e per sette volte rinata
non c'entrano i soldi, non c'entra la fortuna
Catania nel mondo c'è ne solo una.

Anonimo ha detto...

fili la poesia sembra bella ma servirebbe un Piccolo dizionario della lingua sicula, almeno x i termini più difficili ... anzi, se trovi il tempo ... e so che lo trovi ... sarebbe bello avere una traduzione ma con commento storico-culturale sull'origine del termine, quelle belle spiegazioni che mi trasmettono in un attimo la tua sicilia, credo sarebbe una bella sezione da sviluppare, LA SICILIA NELLE SUE PAROLE

baci f.

Filippo MI ha detto...

Fabio è una bella idea ed un pò mi ero ispirato a questo ed alla nostra chiaccherata fatta lo scorso weekend tra una pulce marina ed una partita a beach volley ;) quando ho scritto il post "Sceccu Scannaliatu" ... Creo un altro tag chiamato Storia e lingua siciliana :-) ed appena trovo un attimo ti parlo dei "macca liotru" ...

Matteo ha detto...

Anche se non sono siciliano d'origine mi posso definire d'adozione per motivi sentimentali (e di Jaci Casteddu sono cittadino ONORARIO essendo l'unico padano ad aver camminato scalzo sulla praga...).
Ha ragione il buon Giuseppe Castiglia a raccontare così Catania.
Ancora me la ricordo la prima volta che ci ho messo piede.Diciamo che l'accoglienza non è stata delle migliori sia per miei timori pesonali (avrei conosciuto i genitori della mia fidanzata) sia perchè appena sbarcato al vecchio Fontanarossa sono stato accolto dalle galline (veramente) uscite da chissà dove.
Poi però Catania e la sua provincia ti entrano dentro, ti scorrono sotto pelle, ti assuefano stile nicotina.
Sarà per il fatto che il tempo sembra trascorrere più lento, sarà per il fatto che l'aria non puzza di smog ma sa di carne arrostita e mare, sarà per il fatto che esistono persone diciamo folkloristiche,in senso buono beninteso, che al nord è difficile se non impossibile trovare e che ti fanno capire che la mentalità a cui ci stanno abituando (lavora, accumula soldi, non goderti la vita e magari un giorno avrai l'immunità parlamentare...)è alquanto sbagliata.
E poi la gente non è chiusa come al nord, non ti guarda storto se parli in dialetto (il mio accento forse necessita di qualche altra lezione).
E poi c'è la tavola calda VERA e il mare.E c'è il "granitaio" che va in giro con l'ape e fa la granita di gelsi più buona del mondo.
Insomma è proprio vero:altre Catania nel mondo non ne esistono.

Quest'estate Filippo sia chiaro che ti voglio sempre alla Playa con me!

nico ha detto...

..mi vuoi fare piangere?? ..ogni qualvolta capita di ascoltare la canzone di Castiglia, i brividi mi avvolgono e la mente vola...pur tra mille problemi e' TERRA INCANTATA!!