Pagine

mercoledì 24 settembre 2008

Cos'é il genio ...



E' fantasia, intuizione, decisione e velocità di esecuzione ...

Per i catanesi che oggi stanno affrontando il periodo più buio della storia recente del capoluogo etneo, è anche l'ironia con cui sono riusciti a sopravvivere alle inettitudini dei propri amministratori.

La palma di genio in questi giorni, va senza dubbio a chi ha pensato di vendere su e-bay il simbolo della città, il nostro amato Liotru.

Essendo stata rimossa "l'offerta" dal sito, la incollo integralmente nel seguito:

Causa dissesto finanziario, vendesi statua raffigurante un elefante, conosciuta come “U Liotru”.

Il basamento è formato da un piedistallo di marmo bianco situato al centro di una vasca, anch’essa in marmo, in cui cadono dei getti d’acqua che fuoriescono dal basamento. Sul basamento due sculture riproducono i due fiumi di Catania, il Simeto e l’Amenano. Al di sopra si trova la statua dell’elefante, rivolto con la proboscide verso la Cattedrale di Sant’Agata. Questa statua è di epoca romana ed è stata realizzata con più blocchi assemblati di pietra lavica. Ai lati dell’elefante cade una gualdrappa marmorea sulla quale sono incisi gli stemmi di Sant’Agata, patrona di Catania.

Sulla schiena del mammifero è stato collocato un obelisco egittizzante. Alto 3,61 metri, è stato realizzato in granito e ha una forma ottagonale. Vi sono incise delle figure decorative di stile egizio, ma non geroglifici. Sulla parte sommitale dell’obelisco sono stati montati un globo, circondato da una corona di foglie di palma e ulivo (alcune fonti riportano palma e gigli), più sopra una tavoletta metallica su cui vi è l’iscrizione dedicata a Sant’Agata MSSHDPL («Mente sana e sincera, per l’onore di Dio e per la liberazione della sua patria»), e infine una croce.

Questa splendida opera d’arte, realizzata da Vaccarini nell’ambito della ricostruzione della città etnea dopo il terremoto dell’11 gennaio 1693, sarà motivo di vanto e invidia per il vostro vicinato.
Che sia il Vostro giardino, cortile interno o salotto: il Liotru, con la sua eleganza senza tempo, potrà essere integrato in qualsiasi contesto architettonico.
Il vincitore dell’offerta, per un prezzo superiore ai 100.000.000 di Euro, verrà proclamato co-patrono della città di Catania e portato in trionfo durante i festeggiamenti di Sant’Agata.

La somma va versata alla tesoreria del Comune di Catania. Le coordinate bancarie verranno inviate al vincitore dell’asta entro 24 ore dalla conclusione della stessa.


2 commenti:

stancanellidoitbetter ha detto...

Fortunatamente la vendita è stata bloccata. Se Piazza Duomo fosse rimasta vuota l'ex sindaco avrebbe immediatamente pensato di riempirla con una rotatoria.

Filippo MI ha detto...

aha aha, stancanellidoitbetter il tuo blog ha rischiarato il buio della Catania di questi giorni ;) dato che con il voto tra breve potremo farci poco (senza preferenza di fatto il sistema chiude totalmente ogni porta alla società civile) c'é rimasta solo l'ironia per cacciare questi inetti ..