Pagine

venerdì 14 novembre 2008

Free Blogger !! For a free country !!!

Ne avevo parlato qualche tempo fa sul mio blog inglese, ma onestamente mi pareva fantapolitica ...

Ma ormai dai nostri parlamentari, maggioranza od opposizione poco importa, c'é da attendersi di tutto. Così Franco Levi, esponente del PD, ha depositato alla Commissione Cultura della Camera, la proposta di legge detta "ammazzablogger".

In sostanza la legge prevede che(fonte www.beppegrillo.it):
- ogni blog è equiparato a un prodotto editoriale
- ogni blog che pubblica Adsense di Google o banner può risponderne all'Agenzia delle Entrate
- ogni blog deve iscriversi al ROC (Registro degli Operatori di Comunicazione)
- ogni blog è soggetto alle norme sulla responsabilità connessa ai reati a mezzo stampa
- ogni blog che non si iscrive al ROC può essere denuciato per il reato di "stampa clandestina": due anni di carcere e sanzioni economiche.

Un blogger può scegliere se iscriversi al ROC, e correre il rischio di una delle innumerevoli denunce penali e civili sui reati a mezzo stampa che risalgono al Codice Rocco del fascismo o, in alternativa, entrare in clandestinità prima di entrare in galera.

Inutile ricordare che l'articolo 21 della nostra costituzione, a cui questo blog si ispira, prevede che:

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Mi associo quindi all'iniziativa del blog di Beppe Grillo ... Aggiungere altro mi pare superfluo ...

2 commenti:

reverso_2007 ha detto...

Ciao...complimenti per il blog!!Ti va uno scambio link?
Ti volevo chiedere se gentilmente mi puoi spiegare come hai fatto ad inserire un nuovo hader nel tuo blog....Grazie a presto!!
http://archimede2008.blogspot.com

Mali Cunfusioni ha detto...

Caro Filippo,

mi spiace contraddirti ma l'articolo 21 della nostra costituzione è stato abrogato. Adesso è subentrato l'articolo 21/Bis che segue la falsa riga del precedente ma presenta un "lieve" modifica:

Tutti COLORO CHE SONO PROPRIETARI DI 3 TELEVISIONI, DUE GIORNALI ED UNA CASA EDITRICE hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

PS: ti ho aggiunto nel mio blogroll