Pagine

giovedì 23 settembre 2010

Chi sono i veri terroni ...

L'aria del continente, da cui il mio blog ha preso il titolo, non è solo il testo scenico in tre atti di Nino Martoglio, ma quell'atteggiamento di supponenza che alcuni siciliani assumono una volta emigrati al nord.

Dire che io ne sia sempre risultato indenne, sarebbe disonesto. Ho deciso infatti di scrivere questo blog due anni fa, per tentare di esorcizzare il processo in corso e ridurre gli evidenti effetti della mia "continentalizzazione" ...

Mi chiedevo, ma perché i miei corregionali hanno ridotto la mia bella Sicilia in questo modo? Perché gli abitanti del bellissimo sud Italia, a volte sono così incivili?

Questa estate, prima di lasciare la "mia" Milano per le meritate ferie, ho come sempre fatto una scorta di libri. Ho trovato in libreria, in bella mostra, un libro di cui avevo sentito parlare nel blog di Beppe Grillo : Terroni di Pino Aprile: ovvero, tutto quello che è stato fatto perché gli italiani del Sud diventassero meridionali.

Pur essendo convinto dell'importanza fondamentale di uno stato italiano unico ed indivisibile, ho cercato sempre di avere una visione critica ed obiettiva degli avvenimenti che condussero 150 anni fa, all'unificazione del nostro paese.

Si capisce presto, leggendo libri di autorevoli storici e giornalisti come Denis Mack Smith o Lorenzo Del Boca che la storia del risorgimento italiano, così come studiata a scuola, è una favoletta frutto della fantasia della propaganda sabauda.

Di Del Boca, nativo di quella Val Sesia dove oggi alcuni sindaci leghisti bandiscono l'ingresso alle donne con il velo ed i "vu cumprà", ho già parlato nel mio blog, citando il suo splendido libro Maledetti Savoia.

Scrive il piemontese Del Boca:
A partire dal 1860, l’Italia non piemontese non è stata liberata, ma conquistata. Le regioni meridionali non sono state unite nell’unica Italia, ma annesse. L’Italia del Sud e la sua gente sono state maltrattate, anche in modo volgare. Per infangare l’immagine di Francesco II, cacciato dal suo Regno delle due Sicilie, i servizi segreti piemontesi misero in giro una serie di fotomontaggi di sua moglie, la regina Maria Sofia, in atteggiamenti pornografici.

Evidentemente il metodo Boffo non è stato inventato da vittorio feltri ...

Tornando a parlare di cose serie, Terroni di Pino Aprile, offre un ulteriore contributo alla verità storica. Si legge in un fiato, lasciandoti un misto di frustrazione e senso di rivalsa dentro.

Prima del 1861 i veri terroni non erano gli abitanti del sud Italia, ma quelli della sedicente "padania". Il regno Borbonico poteva vantare un tessuto industriale da fare invidia all'impero britannico ed un prodotto interno lordo solo inferiore a quello degli inglesi e della Francia.

Gli uomini del sud non sono indenni da colpe, non è questa la tesi che sostengo, ma per capire quanto sia stato fatto per creare le disparità economiche che ancor oggi affliggono gran parte del nostro paese, bisogna riportare alcune cifre.

A soli due anni dalla spietata colonizzazione del Regno delle due Sicilie, erano state sottratte ricchezze alla stato borbonico, per un ammontare attuale di circa 1500 miliardi di euro .. poco meno dell'attuale debito pubblico accumulato in 20 anni dai nostri mediocri politici.

Questi capitali furono in parte utilizzati per ripianare i bilanci dell'indebitato stato sabaudo e per arricchire personalmente, quel monarca che la sua propaganda definiva galantuomo ...

Invito tutte le persone intellettualmente oneste, a festeggiare i 150 anni dell'unità d'Italia, rivedendo e studiando la vera storia del risorgimento, ridando così dignità a quei popoli costantemente insultati e dileggiati da uomini totalmente ignoranti che continuano a sostenere che la causa dell'arretratezza del sud Italia sia di natura genetica ...

Come mi disse una mia amica di Oslo, al mondo c'é sempre qualcuno più terrone di te ...

2 commenti:

Il rospo dalla bocca larga ha detto...

Applausi all'amica di Oslo... Spero vivamente che qualche "polentone leghista" dica la sua a riguardo... Perchè è davvero avvilente a volte vedere certe persone.

W la terronia! Sono terrone e me ne vanto.

Filippo MI ha detto...

Hildegunn era un mito davvero :-) un giorno mi ricordo in ufficio disse qui per me siete tutti terroni :-)