Pagine

lunedì 28 giugno 2010

Brancher il ministro della mandorlata

Dalle mie parti quando qualcuno si da delle arie, senza aver alcun titolo per farlo, viene subito epitetato come "u diritturi da minnulata" (*) - il direttore della mandorlata, cioé del nulla.

Quando ho saputo della nomina dell'onorevole Aldo Brancher a ministro del federalismo, mi sono chiesto: ma di cosa si occupa il ministro al federalismo? Inoltre, in un momento in cui si cerca di ridurre all'osso la spesa pubblica e gli sprechi, era davvero INDISPENSABILE creare un nuovo ministero, tenuto conto che della materia se ne dovrebbero già occupare i dicasteri di Calderoli, Bossi e Fitto?

Non poteva il presidente del consiglio, cedere la carica ad interim del ministero allo Sviluppo Economico, visto che tale poltrona era stata resa vacante dalle dimissioni dell'ormai ex ministro Scajola? Oppure, non poteva limitarsi a nominare il "capacissimo" e "stimatissimo" Brancher ad un ministero che nell'attuale governo pare non esistere, come quello di "poco conto" dedicato alla sanità?

Inutile sottolineare quanto poco opportuno possa sembrare a chi scrive, la nomina a ministro di una persona sotto processo, ma nulla ci stupisce più del governo del fare che approfittando di un'opposizione inesistente, anche questa volta ne ha fatta un'altra delle sue.

Le ragioni, misteriose qualche giorno fa, sono sempre le stesse, evitare di far processore se stessi e gli amici degli amici ... la politica non come servizio, ma come premio a chi ha bisogno di risolvere problemi che con il bene pubblico, poco hanno da spartire.

Allora che dire sulle deleghe del nuovo ministero al federalismo? Mi sembra coincidano perfettamente con quelle del ministero della mandorlata ... Buon lavoro signor ministro ...



(*) l'espressione colorità, ma efficace, andrebbe ulteriormente contestualizzata: luogo pubblico, ingresso in pompa magna del personaggio in oggetto e voce che si erge dal nulla urlando "arrivau u diritturi da minnulata" (è arrivato il direttore della mandorlata) ...

2 commenti:

Il rospo dalla bocca larga ha detto...

Nel post è diventato Blancher. Correzioni a parte è l'ennesimo scandalo di questo governo.

Filippo MI ha detto...

grazie rospo, spero che il ministro, visto che neanche lui ha capito per cosa sia stato nominato, sappia almeno qual sia il suo nome ...